i materiali dic osa sono fatte le vele? di artemisia design

Di che cosa sono fatte le mie borse?

/
Gennaio 6, 2021

Per sapere di cosa sono fatte le borse di Artemisia Design, bisogna sapere di cosa sono fatte le vele.

Come sapete le mie creazioni, le borse di Artemisia Design, nascono dal recupero di vele usate, ma procediamo per gradi  voglio prima raccontarvi un infarinatura della storia del materiale…

La vela è uno dei più antichi sistemi di propulsione utilizzati dall’uomo e, fin da quando le vele esistono, sono state realizzate con tessuti a trama stretta, come la canapa o il lino, tradizionalmente usato dai velai.

In seguito, con il tempo, le vele aumentarono gradualmente di dimensione e forma, diventando più grandi erano sempre più pesanti da gestire e si cominciarono a realizzare vele in cotone,  il tessuto era chiamato Duck ( dall’olandese Doek che significa appunto tela o panno), un tessuto pesante, solitamente in tinta unita nel colore grezzo della fibra, era un tipo di tessuto più fitto della tela normale poiché la trama era molto più stretta. Pur essendo un cotone pesante risultava un pò più leggero da gestire delle fibre utilizzate in precedenza.

Le fibre naturali però, come si può facilmente immaginare,  non resistevano a lungo all’usura causata dal sole, dal sale e anche dall’acqua che spesso le faceva marcire e ammuffire, ma per molto tempo non ci fu altra soluzione.

Si deve aspettare fino agli anni ’40 del secolo scorso per vedere una grossa innovazione, sono anni in cui  nascono diverse fibre e composti artificiali,  il Polietilene Tereftalato viene brevettato in quegli anni e prodotto, con nomi differenti, in vari paesi, negli stati uniti viene chiamato Dacron o Mylar.

Questa fibra artificiale sostituì gradualmente il cotone e le altre fibre naturali nella produzione di vele, per le sue qualità di robustezza, impermeabilità e resistenza al sole e agli agenti atmosferici.

Il Dacron oggi è ampiamente usato per realizzare non solo le vele ma  anche le cime nautiche, il tessuto viene impregnato con una resina che lo plastifica e poi riscaldato fino a che la trama si ritrae diventando più compatto e completato con altre resine spruzzate come finitura in superficie.

Questo è il materiale che io recupero e riciclo nel mio lavoro, lavandolo e disinfettandolo lo trasformo nelle mie borse, le borse Artemisia Design,  o negli accessori a seconda dell ‘estro del “momento”. Mi piace pensare che, anche se non più utili per navigare, le vele usate abbiano ancora molto da dare in termini di resistenza e leggerezza, e ben si prestano ad essere impiegate in qualche cosa d’altro che possa durare nel tempo e, secondo me, farne una borsa è il modo perfetto per ridare vita ad una vecchia vela.

Ho unito in questo progetto la mia passione per il disegno, il cucito e il creare, con l’amore che da sempre ho per il mare e l’idea del riciclo per fare anche qualcosa che andasse in una direzione ecologica e sostenibile. Leggendo e informandomi ho saputo che le vele usate sono molto difficili da smaltire, sono considerate rifiuti particolari  che devono essere gestite in discariche apposite.

Recuperando le vele evito che vengano “buttate” e di una vela utilizzo praticamente tutto!

Mi piace questa filosofia di recupero e riutilizzo, una volta un amico mi ha detto : ” In ognuna delle tue borse la vela continua il suo viaggio…”

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.Cookie Policy

Chiudi